logo
Lugano
al verde
01. Post
02. Eventi
03. About
04. Contatto

Il fiordaliso di Trionfetti

30.08.2017

Durante la passeggiata che porta a Gandria, salta all'occhio il colore blu ciano di un fiordaliso poco frequente in Svizzera ma disseminato lungo tutto il sentiero. È il fiordaliso di Trionfetti (Centaurea triumfettii All.)

Il nome della specie lo deve al celebre botanico bolognese Giovanni Battista Trionfetti, che visse tra il 1656 e il 1708 e che fu medico, naturalista e curatore dell'Orto botanico della Sapienza romana dal 1682 fino alla sua morte. Il nome del genere, invece, si riferisce al colore prevalente dei fiori che vi appartengono e proviene dal greco kyanos, parola usata da Omero per indicare un tipo di vetro, più tardi per indicare il lapislazzuli o l’azzurrite e i pigmenti blu prodotti a partire da questi minerali.
La famiglia di appartenenza della Centaurea triumfettii, le Asteraceae, è la più ricca del mondo vegetale, e comprende oltre 23’000 specie raggruppate in più di 1530 generi, di cui il genere Centaurea è uno dei più grandi, con circa 700 specie diverse, a dipendenza della classificazione adottata.
Pianta erbacea perenne, alta da 20 a 70 cm, la Centaurea triumfettii possiede foglie lanceolate intere o lobate a pennatifide (con la lamina divisa fino a metà), vellutate al tocco poiché ricoperte da un tomento grigio, ovvero un insieme di peli fitti e infeltriti più o meno intrecciati come una ragnatela. Le basi delle foglie decorrono lungamente sul fusto conferendogli un aspetto alato. I fiori sono raggruppati in grandi capolini di 5 cm di diametro all’apice dei fusti e sono racchiusi da un involucro ricoperto da squame dall’apice nerastro e sfrangiato. I frutti sono secchi e sormontati da una corona di setole (o pappo). Fiorisce tra maggio e agosto e colonizza boscaglie termofile, margini boschivi aridi e prati secchi fino a 2000 metri di altitudine. Diffusa nelle montagne dell’Europa centrale e meridionale (dalla penisola Iberica fino in Anatolia e nel Caucaso), la Centaurea triumfettii preferisce i suoli calcarei. Vista la sua relativa rarità in Svizzera, è considerata potenzialmente minacciata ed è inserita nella Lista Rossa delle piante in pericolo di estinzione.
Occasionalmente è coltivata come pianta ornamentale nei parchi e nei giardini, da dove può inselvatichirsi, come è accaduto nello stato americano dell’Oregon, dove è diventata invasiva. Il fiordaliso di Trionfetti è una specie variabile, a causa della tendenza a formare ibridi con le sue congeneri, risulta spesso di difficile classificazione.
Nella medicina Popolare europea, la Centaurea triumfettii era usata per la preparazione di decotti utilizzati per lenire le infiammazioni di occhi e gengive e per la preparazione di bagni adatti alle pelli sensibili, grazie al suo contenuto di antociani e flavonoidi. Il pigmento blu dei fiori è anche utilizzato come colorante alimentare in pasticcieria o per produrre tinte violette, azzurre o rosse usate da artisti pittori.

Redazione e foto: Nicola Schoenenberger
Guarda la mappa di distribuzione di infoflora.