logo
Lugano
al verde
01. Post
02. Eventi
03. About
04. Contatto

L'effimero giglio non giglio

09.07.2018

Il profumo dell'hemerocallis, in fiore al Giardino degli odori e in Piazza Castello, vale una passeggiata serale: è durante la notte che il fiore dà il meglio di sé.

Lunghe foglie nastriformi di un verde brillante, fiori gialli sgargianti dai lunghi petali un po' carnosi che si tuffano all'esterno, dal profumo citrico con note florali che ricordano quelle delle zagare, il fiore degli agrumi. Al giardino degli odori di Villa Saroli, non potete perdervi l’emerocallide, il bello di un giorno o giglio di un giorno. Il nome comune indica proprio l’incanto e l’effimerità che lo caratterizzano. Dal greco "heméra" = giorno e "kallos" = bellezza. La sua fioritura è breve e notturna, per ammirare la corolla nel suo splendore e cogliere le note dolcemente fresche, meglio passeggiare in serata o di mattina.
La fugacità dei suoi petali color limone è abbondantemente ricompensata dalla generosità della pianta che produce parecchi steli florali ognuno dei quali provvisto di numerosi boccioli. È come uno di quei fuochi d’artificio di fine serata, con tantissime piccole esplosioni dorate. Appena pensi che ti sei perso l’attimo, ti regala un altro bagliore. Per questa sua peculiarità effimera, in alcuni luoghi si pensava che “indossare” un fiore di emerocallide aiutasse a sconfiggere più velocemente i dolori particolarmente intensi e difficili da processare. Nella medicina tradizionale cinese viene utilizzato per “calmare le viscere (cuore, polmoni, fegato, reni e stomaco). Beneficia la mente e rafforza la volontà, dà benessere fisico, riduce l’ansia, alleggerisce il peso corporeo e dà brillantezza agli occhi” (menzionato negli erbari di materia medica, dinastia Tang). Ci permettiamo di aggiungere che l'emerocallide coccola anche l’ego dei giardinieri meno preparati: è perenne, longevo e quasi indistruttibile. Ha poche pretese sia a livello di terreno che di esposizione, così anche senza tante cure può durare anni regalando sprazzi di aroma e colore in un angolo del giardino e pure nei piatti, dal momento che i petali sono eduli.
Per questa moltitudine di caratteristiche positive, negli anni sono stati creati molti ibridi e cultivar a partire dagli “originali” provenienti dalla Cina e dal Giappone. Oggi esistono più di 3000 varietà che percorrono l’intera paletta cromatica e aromatica. Per la somiglianza fisica dei fiori, vengono,confusi con i gigli, con i quali condividono la grazia ma non la famiglia botanica. Infatti, gli hemerocallis appartengono alla famiglia delle Xanthorrhoeaceae, i gigli alle Liliaceae

Testo e foto: l'alberoteca, Muriel Hendrichs e Serena Wiederkher