logo
Lugano
al verde
01. Post
02. Eventi
03. About
04. Contatto

Sale in zucca

03.10.2017

Come sarebbe la nostra società se sfruttassimo ogni angolo libero di città per coltivare un orto? Potrebbe essere una società di gente con tanto, ma tanto sale in zucca. Scopri l'orto didattico dei ragazzi del Liceo cantonale di Lugano 1.

Tutto è iniziato lo scorso febbraio. Ben quindici classi del Liceo ricevono il pomeriggio di congedo per andare al cinema e vedere il film Domani. Il documentario è un viaggio attraverso il pianeta che fa tappa laddove ci sono uomini e donne che propongono una concezione diversa della vita sulla terra dal punto di vista dell'alimentazione, della gestione delle risorse energetiche, della democrazia e dell'educazione. Il messaggio è che siamo ancora in tempo per salvare il pianeta e possiamo farlo tutti, iniziando con l'osservare il mondo che ci circonda con sguardo nuovo. Il giorno dopo la visione del documentario, gli studenti arrivano in classe con l'idea - irremovibile - di fare un orto a scuola. È nato così il progetto che, non a caso, si chiama Sale in zucca.
L'orto didattico è stato realizzato sul prato del liceo. In tutto sono stati coltivati cinque appezzamenti, quattro dei quali su di un terreno che all'inizio era duro come cemento. Per concepire il giardino, arare la terra, per coltivare e curare le piante sono state coinvolte ben nove classi, capitanate dalla 4HL e dalla 4NL del liceo scientifico BIC (opzione specifica biologia e chimica) con le docenti Manuela Varini e Paola Manghera e con l'aiuto de L'alberoteca, di ProSpecieRara e della Falegnameria Radical.
Protagonista dell'orto del liceo è, come suggerisce il nome del progetto, la zucca nelle sue molteplici e poco conosciute varietà. Nell'orto troviamo l'appezzamento dedicato alle tre sorelle, in cui sono coltivate zucche insieme a fagioli e mais secondo un'antica tecnica che risale ai nativi americani. Si tratta della prima forma di agricoltura consociativa, in cui una pianta aiuta l'altra a crescere: il mais funge da sostegno al fagiolo, il fagiolo fertilizza il terreno e la zucca, crescendo in orizzontale, scherma il sole impedendo l'invasione delle erbacce.
La zucca è presente anche in altri due appezzamenti, uno dedicato alle zucche rampicanti e uno a quelle striscianti. In totale nell'orto del liceo troviamo più di trenta varietà di zucche. Ma non solo. Sono coltivati anche fiori commestibili tra cui nasturzi, piselli rampicanti, fiori di lino, fiordalisi, amaranti, cosmee, calendule, girasoli... E non potevano mancare infine le piante aromatiche: rosmarino, lavanda, origano, basilico, santoreggia, elicriso, salvia, timo, menta...
Insomma, i ragazzi del liceo fanno sul serio: hanno messo in piedi il progetto da zero seguendo con attenzione tutte le sue fasi senza lasciarsi spaventare dalla fatica. E non è tutto qui. Perché chi ha la passione per il verde lo sa: quando l'orto è allestito siamo solo all'inizio di un lungo e meraviglioso lavoro.



Sale in zucca è un progetto del Liceo cantonale di Lugano 1 curato dagli allievi della 4HL e della 4NL del Liceo scientifico BIC sotto l'egida delle docenti Manuela Varini e Paola Manghera in collaborazione con L'alberoteca, ProSpecieRara e la falegnameria Radical. Al progetto, la scorsa primavera, hanno partecipato anche le classi di 3H, 3L, 3N, 1A, 1C, 1N, 1R, 2A, 2J, la classe di scuola speciale, Daniele Saurwein, Luca Paltrinieri, Vania della Chiesa, Isabella Bustelli, Samantha Arigoni e Giovanna Solari.
Il progetto ha beneficiato del supporto di Lugano al verde (Città di Lugano), Museo cantonale di storia naturale, Società ticinese di scienze naturali, Capriasca Ambiente, Meret Bissegger (progetto Le zucche della Valle del Sole), Scuole medie di Lugano 1 e COOP (progetto Scuole fiorite).
La nascita e lo sviluppo di Sale in zucca sono stati seguiti dall'occhio attento di Giovanni Casari (Azzurro Imaging Filmmaking).
Per maggiori informazioni: www.liceolugano.ch.